Sea You Aboard

penisola-sorrentina

Le baie di Crapolla e Nerano: perché fare il bagno qui almeno una volta nella vita

Dalla Baia di Crapolla a quella di Nerano si può ammirare la bellezza dei fondali e delle grotte sottomarine del posto. Ma è anche un luogo adatto alle gite in barca e al trekking.

Le splendide baie che si incontrano mostrano il volto più selvaggio e incantato della costiera. Qui il mare è tra i più cristallini grazie alla incontaminata bellezza, ed è tra i luoghi più suggestivi di Massa Lubrense.

Ma scopriamo insieme quali sono le baie dove fare il bagno almeno una volta nella vita!

La Baia di Crapolla

La Baia di Crapolla è tra le insenature più suggestive della costa di Massa Lubrense: oltre a essere di grande interesse naturalistico, conserva tracce visibili di un passato ricco di storia. È raggiungibile a piedi dalla frazione di Torca: da piazza San Tommaso Apostolo si imbocca via Nula e poi via Casalvecchio, da dove comincia il sentiero.

Ricalcando il percorso di un’antica mulattiera, la prima parte del sentiero si snoda tra il verde della macchia mediterranea e costeggia poi il rivo Larito fino al belvedere naturale “La Guardia”, dove una panchina in pietra invita a fermarsi per ammirare l’incantevole panorama. Di fronte, i tre isolotti Li Galli, l’isola d’Isca e la Vetara, a sinistra, la costa di Praiano e, in giornate particolarmente terse, tutto il Golfo di Salerno e infine a destra, l’inconfondibile sagoma di Punta Penna.

Da questo punto si dirama anche l’impegnativo sentiero che conduce alla Spiaggia di Recommone. I gradini in pietra, quasi 700, conducono invece al Fiordo di Crapolla: ogni 50 gradini, una piastrella in ceramica indica la numerazione progressiva.

Prima di arrivare in fondo all’insenatura, ci si può fermare a visitare la piccola Cappella di San Pietro, costruita con le stesse pietre che un tempo appartennero al Monastero dei Benedettini Neri, più comunemente noto come Abbazia di San Pietro.

Accanto alla cappella sono tuttora visibili alcune colonne e basi marmoree risalenti all’antico edificio. La leggenda vuole che l’abbazia fosse stata edificata sui resti di un tempio romano, costruito a sua volta sui resti di un tempio dedicato ad Apollo, da cui deriverebbe il toponimo Crapolla.

Riprendendo il sentiero si giunge finalmente al Fiordo di Crapolla: una stretta e profonda spaccatura nella roccia, che si insinua tra l’alta scogliera per una lunghezza di circa 160 metri, allargandosi progressivamente e terminando con una spiaggetta tanto piccola quanto bella.

Nella parte occidentale dell’insenatura sono ancora visibili i resti di una villa romana, con parti murarie in opus reticulatum. Prima della spiaggetta, l’antico borgo conserva i resti di alcune cisterne romane e di costruzioni scavate nella roccia: sono i monazeni, strutture risalenti anch’esse all’epoca romana e ancora oggi usate dai pescatori del luogo per mettere a riparo le proprie barche e gli attrezzi per la pesca.

Marina del Cantone

Marina del Cantone è un piccolo tesoro nascosto in una splendida posizione vicino alla punta della penisola sorrentina. È un’ottima destinazione per un’escursione o una base fuori dai sentieri battuti per qualche giorno al mare.

Una striscia di spiaggia di ciottoli situata in una posizione attraente sotto Nerano, una tranquilla località balneare che si è sviluppata negli ultimi anni. Quando i vacanzieri stranieri travolgono le famose località della penisola sorrentina, Marina del Cantone è un rifugio per la gente del posto e per chi prende una barca lungo la costa, per godersi un bagno e un buon pranzo.

La spiaggia di Marina del Cantone è piuttosto stretta, ciottolosa e a strapiombo sul mare. Se cammini lungo la spiaggia fino all’estremità destra mentre affronti il ​​mare, arriverai a rocce che offrono un accesso più dolce all’acqua per la pagaiata. All’altra estremità della baia è ancora visibile il nucleo del borgo marinaro, con le barche accostate sopra la spiaggia e una chiesetta dipinta di giallo e bianco.

Ci sono un paio di bar lungo il retro della spiaggia, posti dove puoi acquistare gelati o una granita ghiacciata e ristoranti per lo più stagionali e informali.

Una specialità locale sono gli spaghetti alla Nerano , un piatto di spaghetti con zucchine e formaggio che ha origine nella cucina del Ristorante Maria Grazia. Oltre a rilassarsi sulla spiaggia e mangiare gli spaghetti, una delle cose migliori da fare qui è fare una breve passeggiata lungo la costa fino alla prossima piccola baia, Recommone. 

Baia di Recommone

All’estremità sinistra della spiaggia, di fronte al mare, un piccolo sentiero glorioso conduce a una baia ancora più idilliaca. Partendo in modo poco promettente dietro l’ultimo ristorante, questo percorso si trasforma in un bellissimo e facile assaggio della passeggiata della Costiera Amalfitana.

Ci sono posti a sedere, fiori, farfalle, uccelli, ulivi, una torre di avvistamento in rovina e splendide viste sul mare, sulla costa e sulle isole Galli. Se vuoi prendertela comoda, non c’è bisogno di scendere gli ultimi scalini accidentati nella baia di Recommone; potresti semplicemente ammirare il panorama e tornare sui tuoi passi.

Attraverso un varco si accede alla spiaggetta, che è un misto di ciottoli, graniglia, sabbia e detriti mediterranei, dai cocci di ceramica alle conchiglie. Terrazze sugli scogli, realizzate per lettini e tavoli da pranzo, offrono una vista degli isolotti vicini, dei più lontani Galli e della baia protetta da scogliere.

L’espressione ‘una perla nascosta’ è stata pensata per un posto come questo. La passeggiata da Marina del Cantone a Recommone dura solo 15-20 minuti. Che si scenda o meno a Recommone per pranzo o per curiosità, vi consiglio di seguire almeno una parte del sentiero proprio per vivere le bellezze naturali del paesaggio e del mare.

Baia di Ieranto

Racchiusa tra Punta Campanella e Punta Penna, l’incantevole insenatura conosciuta come Baia di Ieranto è un luogo selvaggio di incontaminata bellezza, raggiungibile attraverso un sentiero naturale da attraversare rigorosamente a piedi.

Secondo Omero, Ieranto, dal greco Ieros, che significa terra santa, è il luogo in cui Ulisse incontra le Sirene nel suo viaggio verso Itaca. Un luogo davvero magico circondato dai colori dell’azzurro del mare, il verde degli ulivi e Capri come sfondo.

E come tutti i luoghi magici è un po’ difficile da raggiungere. Sono quasi sei i chilometri dalla piazza di Nerano alla Baia di Ieranto e alla sua spiaggia: una passeggiata non facile!

A soli 50 metri in salita verso Marina del Cantone troverete uliveti e agrumeti, orti lungo il sentiero dell’antica mulattiera , antico passaggio per gli asini, accanto a Villa Rosa , dove visse per un po’ Norman Douglas .

Se ami la natura incontaminata, questa è la destinazione perfetta! Sulla strada sarai testimone della rigogliosa macchia mediterranea e dell’enorme livello di biodiversità .

Pertanto, un paesaggio meraviglioso ripagherà la fatica della passeggiata . Passando per la Grotta delle Noglie si raggiunge il crinale del paese di Spirito . Da qui, a destra, si può ammirare Punta Campanella e Capri con i suoi Faraglioni, a sinistra, il Golfo di Salerno fino a Punta Licosa, la Costiera Amalfitana e le isole. Al centro un autentico paradiso terrestre: Baia di Ieranto.

A questo punto il sentiero porta ad un bivio: a sinistra c’è una strada sterrata in direzione Punta Penna e Torre di Montalto, a destra la sede del FAI, che propone anche visite guidate e attività. Da qui, una vecchia scala vi porterà alla spiaggia di ciottoli.

Visitando queste splendide baie vi suggeriamo di portare con voi tutto il necessario per goderne al meglio: teli bagno, ombrellone, snack e bevande. Soprattutto, un paio di scarpe comode poiché alcune spiagge sono ricoperte di ciottoli. Per i più pigri, o per chi semplicemente predilige il relax consigliamo la scoperta delle baie via mare con i nostri tour in barca!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su